venerdì 17 giugno 2011

L'AFFAIR DELLA CALLIOPE












Cronaca vera 21 gennaio 2009












I pm Gaetano Paci e Francesco Del Bene, che coordinano le indagini, avevano fatto risalire la scomparsa dei Maiorana a contrasti sorti sul cantiere di Isola delle Femmine in cui stavano realizzando 50 villette a schiera, insieme ad altre due ditte. La Calliope s,r,l, e Sa.ba s.r.l.


ERA IL 3 AGOSTO DEL 2007 QUANDO STEFANO E SUO PADRE SI ALLONTANO DAL CANTIERE DELLA CALLIOPE DI ISOLA DELLE FEMMINE da allora che non si hanno più notizie dei due. Con gli ultimi arresti di Mafiosi alcuni pentiti parlano che I motive della loro sparizione vanno ricercati all’interno del cantiere. La MAMMA disperata nel giorno del compleanno di Stefano lancia il suo ennesimo grido “voglio riabbracciare mio figlio”.
I pm Gaetano Paci e Francesco Del Bene, che coordinano le indagini, avevano fatto risalire la scomparsa dei Maiorana a contrasti sorti sul cantiere di Isola delle Femmine in cui stavano realizzando 50 villette a schiera, insieme ad altre due ditte. La Calliope s,r,l, e Sa.ba s.r.l.

COOPERATIVA LA CALLIOPE DA AREA A VERDE A AREA EDIFICABILE NOMINA COMMISSARIO AD ACTA DELIBERA 48 DEL SETTEMBRE 2003. Il Consiglio Comunale che deve prendere atto della delibera commissariale, rileva che all’ordine del giorno manca

a)il decreto di nomina del Commissario

b) i verbali della Commissione Edilizia che avrebbe dovuto trattare il progetto costruttivo con le relative varianti. Il Decreto Assessorato T e A n 142 dell’10.2.03 nominato Commissario ad Acta il funzionario dipendente dell’assessorato dr. Mario Megna.

Il decreto di nomina prevedeva che il Commissario potesse sostituirsi oltre che alla G.M. al C.C., QUALORA QUESTI NON SI FOSSE ESPRESSO ENTRO IL TERMINE DI 45 GIORNI DALLA TRASMISSIONE DELLA PROPOSTA DI DELIBERA A CURA DEL DETTO FUNZIONARIO REGIONALE.

Il decreto viene trasmesso al Presidente del Consiglio Comunale ( Erasmo Cataldo) in data 8.8.03, con lettera prot 11643, con l’avvertenza a proposito dei n45 giorni senza che l’organo consiliare si fosse espresso. In data 19.9.03 con lettera prot 13353 il Sindaco Stefano Bologna richiedeva la convocazione del CC ai sensi dell’art 14 c. 6 del regolamento dei lavori consiliari per la trattazione di 5 argomenti, tra i quali NON figura l’approvazione del programma costruttivo. Lo stesso giorno con lettera prot 13361 il Presidente del Consiglio Erasmo Cataldo convocava in sessione ordinaria per il giorno 29.9.03 specificando la richiesta sindacale, il consesso comunale; ai cinque argomenti richiesti dal Sindaco Stefano Bologna, il Presidente del Consiglio Erasmo Cataldo aggiungeva altro punto da discutere ovvero “Approvazione programma costruttivo per la realizzazione di n 50 alloggi proposto dalla ditta immobiliare CALLIOPE s.r.l. e SA.BA s.r.l. ai sensi dell’art 25 della L.R. 22/96”.

In data 24.9.03 Il Comissario ad Acta Dr. Megna Mario sostituendosi al C.C. adottava la delibera di approvazione del programma costruttivo. In data 30.9.09 in seduta di prosecuzione rispetto al giorno di convocazione del consesso su istanza sindacale e su disposizione del Presidente del Consiglio con delibera 56 era affrontata la discussione in merito all’adozione della delibera commissariale. In data 6.10.03 prot 14105 il Presidente del Consiglio in quanto assente in sede di discussione tenutasi il 30.9.03 significava a tutti i consiglieri, all’Assessore Regionale al territorio e dell’Ambiente, al commissario deliberante ed al Sindaco, come non abbia ritenuto di procedere alla convocazione d’urgenza, rispetto al termine diffidatorio di 45 giorni del decreto assessoriale: ciò a suo dire in quanto presumeva come la convocazione a sua firma, seppure tardiva rispetto allo spirare certo dei termini di cui al decreto, fosse sufficiente ad impedire al commissario ad acta di procedere autonomamente secondo il suo atto di incarico. Nella sua missiva il Presidente del Consiglio faceva presente come della nota-difida commissariale egli ne abbia avuta conoscenza soltanto in occasione della convocazione del consiglio comunale (in data 19.9.03). In data 20.10.03 prot 14781 il Presidente Erasmo Cataldo disponeva al Segretario Comunale l’avvio di un’indagine interna, con lo scopo di accertare i motivi per cui detto organo non fosse stato reso edotto della nota-diffida commissariale. In data 21.10.03 prot 14780 il Presidente Erasmo Cataldo invitava il Sindaco a conferire ad un legale per valutare la legittimità dell’operato del Commissario ad Acta. Con lettera prot 14781 datata 27.10.03 il Segretario Comunale dr Scafidi Manlio rispondeva alla nota del P. del C. scongiurando il sospetto di occultamenti o smarrimenti, con riferimento alla predetta nota commissariale, la quale sarebbe stata depositata in segreteria, nonché nel fascicolo degli atti da sottoporre all’esame del consiglio Comunale. Risulta essere alquanto poco formale la procedura di trasmettere una nota-diffida di particolare rilevanza senza ricorrere al messo comunale o ad altra forma di notifica; dalla certezza circa la ricezione ne discende difatti l’autorità a sostituirsi all’organo inadempiente; in caso contrario, sarebbero svuotati di significato i commi 4.5.6. dellart 15 del vigente regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale.
L’ATTO-DIFFIDA del commissario operando un restringimento, od un’estinzione od ancora una limitazione delle facoltà del destinatario (consiglio comunale), possa essere ricompresso tra gli atti recettivi, quindi soggetti a consegna-notifica secondo il relativo istituto; ciò anche in analogia a quanto previsto dall’art 15 comma 4 del regolamento per il funzionamento del consiglio comunale; tale precisazione, però parrebbe essere più contestabile al SEGRETARIO COMUNALE, che al commissario, in quanto, avrebbe dovuto essere diligenza del primo assistere il funzionario regionale nel proprio compito, a fortori se viene precisato come lo scrivente, contattato l’ufficio che cura, presso l’ARTA” tali provvedimenti commissariali, quest’ultimo ha, per voce di un funzionario, come non costituirebbe prassi, quella di operare le diffide, come quella di che si discorre, a mezzo di notifica formale.
A norma dell’art 12 comma 4 del regolamento il Segretario Comunale, avrebbe dovuto informare il sostituto del Presidente del Consiglio Comunale., dell’incombenza contingente; ciò in particolare modo, all’approssimarsi della scadenza imposta dalla nota commissariale, ancorché non notificata a mezzo messo.
Il Presidente del Consiglio, allorquando avuta notizia della nota commissariale, avrebbe dovuto convocare il consesso comunale in seduta straordinaria, ai sensi dell’art 14 comma 7 del regolamento, avendone ancora alla data di convocazione del CC i tempi per la convocazione in via d’urgenza.
Appare sterile se non demagogica la lettera datata 21.10.03 prot 14780 il Presidente Erasmo Cataldo nella quale invitava il Sindaco a conferire ad un legale per valutare la legittimità dell’operato del Commissario ad Acta, non avendo egli P. del C. alcuna potestà nei confronti del primo cittadino.
Il Consiglio Comunale si pronunciò negativamente bocciando la proposta di delibera, il Commissario non avrebbe potuto proceder in senso contrario, delineando tale esplicitato ora formulato, ipotesi di responsabilità ancora maggiori per coloro i quali hanno fatto si che il consesso comunale non abbia avuto ad esprimersi.
Tale precisazione appare non residuale, in presenza della circostanza seguente: il consesso comunale, già in data 1.2.01 giusta delibera 9 aveva deliberato bocciando la relativa proposta.

Il Programma Costruttivo in argomento.
18.4.2003 Il programma di Costruzione redatti dall’Ing Lascari Gioacchino prevede la realizzazione di 52 alloggi;
27.5.03 Commissione Edilizia del Comune di Isola esprime parere negativo sul progetto;
17.7.03 la Commissione Edilizia Comunale di Isola esprime parere favorevole per 50 alloggi vista la perizia giurata del progettista ING Lascari Gioacchino

L’ing Gioacchino Lascari ha provveduto alla esecuzioni delle misurazioni. E FIRMA UNA PERIZIA GIURATA per conto della Callliope s.r.l.e SA.BA. s.r.l.
Non Sappiamo se si tratta di un caso di omonimia con un Ingegnere Lascari Gioacchino (nato a Piana degli Albanesi il 4.10.55) di Piana degli Albanesi facente parte della Commissione Edilizia di Piana degli Albanesi.

24.9.2003 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO AD ACTA (DR. MARIO MEGNA) N CHE APPROVA LA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELL’U.T.C. ARCH GIANBRUNO
20.4.05 UFFICIO TECNICO ISOLA EMETTE ORDINANZA N 23
19.5.05 UFFICIO TECNICO COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE EMETTE ORDINANZA N 26
1.6.05 IL COMUNE DI ISOLA CONCEDE LICENZA EDILIZIA
27.8.07 UFFICIO TECNICO COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE SU RICHIESTA CARABINIERI EMETTE ORDINANZA N 29 SOSPENSIONE LAVORI A CARICO DI LO CICERO MARIA ANTONIETTA E BANDIERA ROSANNA RAPPRESENTANTI DELLA CALLIOPE S.R.L. VIALE REGIONE SICILIANA 2629 PALERMO


6.6.07 ordine del giorno della Commissione Edilizia di Isola delle Femmine al punto 15 pratica n 12/7 IMMOBILIARE LA CALLIOPE s.r.l. istanza del 3/4/07 prot 3981 "PROGETTO DI VARIANTE AI SENSI DELL'ART 15 L 47/85 RELATIVO A 9 CORPI DI FABBRICA DENOMINATI A,B,C,D,E,F,G,H,I PER COMPLESSIVI 50 ALLOGGI PER CIVILE ABITAZIONE IMPRESA CALLIOPE.


3 AGOSTO SCOMPAIONO ANTONIO E STEFANO MIORANA
DOPO IL SEQUESTRO DEL CANTIERE SEMBRA VENGANO CONCESSI I CERTIFICATI DI RESIDENZA AGLI INQUILINI CHE ABITANO LE CASE.
NON SAPPIAMO SE CORRISPONDA AL VERO CHE L'UFFICIO TECNICO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE ABBIA CONCESSO IL CERIFICATO FINE LAVORI


Il Programma Costruttivo per la realizzazione di 50 alloggi da parte della Calliope Srl e Sa.Ba. Srl definiti di edilizia popolare, dal prezzo sembrerebbero case da nababbi. In realtà un occhio ai prezzi se ne deduce: il prezzo per il singolo appartamento si è aggirato intorno ai 185.000 Euri che moltiplicato per i 50 appartamenti, si è realizzato un bussiness di 9.250.000 Euri.
Un grosso affare, dove i margini di guadagno sono aumentati in considerazione dell’irrisorio costo del terreno agricolo che come d’incanto viene trasformato in edilizia residenziale
Da ultime notizie circolanti nei corridoi dell’Ufficio Tecnico Comunale e Ufficio di Stato Civile di Isola delle Femmine sembra che siano state rilasciate le residenze all’interno del complesso residenziale e siano stati emessi documenti di fine lavori?



L’immobiliare CALLIOPE s.r.l. ottiene un mutuo al 3% per la costruzione di immobili di edilizia popolare.
Si avvia la costruzione di 48 villette a Isola delle Femmine.
Il prezzo degli immobili in edilizia popolare è di 120.000euro.
Gli alloggi vengono venduti a 240.000euro 120.000euro in contanti e in nero.
Per gli altri 120.000euro l’immobiliare gira all’acquirente il mutuo al 3%.

Un grosso affare, tenuto conto del costo irrisorio del terreno la cui destinazione era verde agricolo.


Un mese prima della scomparsa di Stefano e Antonio Maiorana l’immobiliare CALLIOPE cambia assetto societario sono soci al 50% la compagna di Maiorana e Dario Francesco Lopez genero di Salvatore Bandiera proprietario del terreno.







CALLIOPE DELIBERA 9 1/2/2001




Calliope Diniego della C.E.C. al programma costruttivo 19.5.2003




CALLIOPE: La calliope richiede intervento Commissario ad Acta 30 giugno 2003 prot 9571




Calliope Perizia giurata Ing Gioacchino Lascari 3718 del 8.8.2003 per rispetto, limiti 500metri dal mare



Calliope Intervento sostitutivo commissario ad acta dr. Mario
Megna D.A. 142 del 10.2.2003 delibera 48 24.9.2003









In genere si dice: ecco la ciliegina sulla torta!

Al Presidente del Consiglio Comunale
di Isola delle Femmine


Oggetto: Convocazione c.c. del 29.09.2003


Il sottoscritto Dionisi Vincenzo, nella qualità di consigliere comunale, in ordine al punto n. 7 dell’O.d.G. dell’odierna seduta fa rilevare quanto segue:
-è scandaloso che il Consiglio Comunale sia stato sostituito da un commissario ad acta nei propri poteri, malgrado la richiesta presentata dalle ditte dei programmi costruttivi sia arrivata al suo ufficio in data 08/08/2003 prot. N. 11643;
-non si spiega come mai dal 08/08/2003 la S.V. non ha ritenuto urgente di convocare il C.C. per discutere questo argomento
-mi auguro che la S.V. intervenga nelle sedi opportune per difendere l’autorevolezza del C.C., in caso contrario debbo pensare che Lei era a conoscenza di questo “DISEGNO URBANISTICO” fatto ad “ARTE”;
-mi preme sottolineare che, oggi, visionando il carteggio di detto punto messo all’O.d.G., ho riscontrato che era mancante dei seguenti documenti: Decreto di nomina del Commissario, verbali della C.E.C. ove è stato trattato detto programma costitutivo e varie note citate.
Ritenendo la documentazione richiesta propedeuca per essere messo nelle condizioni di valutare attentamente il “delicato” argomento, La invito a fornirmi tutti gli atti citati prima dell’inizio della seduta consiliare.
Isola delle Femmine, lì 29/09/2003
IL CONSIGLIERE COMUNALE

Calliope delibera 56 30.9.2003 richiesta di intervento al Sindaco per la difesa delle prerogative del C.C. in materia Urbanistica





ABUSIVISMO EDILIZIO A ISOLA DELLE FEMMINE STAVANO COSTRUENDO 50 APPARTAMENTI?




CALLIOPE: Ordinanza 23/r.o. 20 aprile 2005 Ordinanza di ripristino a carico di Lopez Dario 29 marzo 2005 ASSENZA DI LICENZA EDILIZIA



CALLIOPE: Ordinanza 23/r.o. 26/R.O. 19.5.2005 Ordinanza di ripristino a carico di Lo Cicero Maria Antonia e Bandiera Rosanna per realizzazione abusiva verbale 117/2 24/2/1990 Carabinieri Isola comunicata al Comune di Isola prot 1760 27.2.90. Sentenza pretore Carini 396/93 prot 5334 13.5.05 ASSENZA DI LICENZA EDILIZIA



CALLIOPE: La Commissione Edilizia Comunale il 6.6.07 mette all’ordine del giorno richiesta di sanatoria presentata dalla Calliope articolo 15 Legge 47/85 presentat 3.4.07 prot 3981 variante per i 50 appartamenti


CALLIOPE: Ordinanza 29/r.o. 27.8.07 Ordinanza SOSPENSIONE LAVORI a carico di Lo Cicero Maria Antonia e Bandiera Rosanna per NON AVER TRASMESSO DOCUMENTAZIONE PREVISTA PREVISTA PER LEGGE. LICENZA EDILIZIA CONCESSA 1 GIUGNO 2005 TRASCRITTA IL 24.6.05












VINCOLI ESISTENTI NEL TERRITORIO DI ISOLA DELLE FEMMINE


http://www.isolapulita.it


ALAMIA, AMBIENTE ITALCEMENTI UFFICIO TECNICO COMUNALE, barcellona, Calliope, CONSIGLIO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE, LO PICCOLO, MAFIA, MAIORANA, pasha, verde agricolo

Nessun commento:

Posta un commento